Anno studio all’estero: il nuovo sogno dei giovani

0
610
anno-all-estero-exchange-student-USA-
Anno all'estero USA; Lancio dei cappelli

L’anno scolastico all’estero, così come dice il termine, è un programma che consente agli studenti di partire per studiare all’estero per un determinato periodo dell’anno scolastico. Questo tipo di viaggio, oltre a consentire di imparare una lingua straniera in maniera “immersiva”, permette anche di entrare in contatto con una cultura diversa, riempiendo così il proprio bagaglio culturale. Il tempo di soggiorno in realtà non è sempre di un anno, ma può variare da 3 a 24 mesi

Tra le destinazioni più richieste c’è sicuramente l’Inghilterra, per imparare la lingua più utilizzata nel mondo del lavoro, ma non solo. Il clima non è dei migliori, specie per chi soggiorna a Londra o nei paraggi, ma non è importante se paragonato alle opportunità offerte dalla City. L’America invece è il sogno della maggior parte dei ragazzi, il luogo che il cinema ha contribuito a far entrare nell’immaginario collettivo, quando si pensa ai grattacieli, al football, alle cheerleader, ai fast-food, alle high school o agli spazi sconfinati.

Lasciare tutto e cominciare da capo in un altro Paese, con una lingua che non si conosce, sicuramente non è una cosa semplice, ma è un’esperienza che arricchisce. La maggior parte degli “Exchange students” (i ragazzi che effettuano l’anno di formazione all’estero) tornano a casa più aperti, socievoli e felici; aumenta anche il loro bagaglio culturale, poiché ovviamente vengono a conoscenza di ritmi, cucine, tradizioni e abitudini diversi.
È anche un’opportunità per emanciparsi, poiché è un viaggio senza i genitori e, all’inizio, potrà sembrare a qualcuno un po’ pauroso ma, alla fine, si rivelerà una scelta vincente.

Ma,

come funziona? Come si fa a partire?

Premetto col dire che per partire NON è necessario avere un buon livello di conoscenza della lingua straniera (di solito l’inglese), siccome lo scopo del viaggio è proprio quello di impararla. Chi ha intenzione di partire per questa esperienza, non deve fare altro che dirigersi presso un’agenzia di viaggi che organizzerà nel dettaglio il viaggio. La meta può essere scelta dal partecipante ma, in questo caso, il prezzo sarà maggiore; altrimenti meglio accontentarsi di ciò che viene proposto dall’agenzia. A proposito di prezzi, il costo del viaggio è un po’ elevato: mediamente varia dai 4000 agli 11000 euro, a seconda della durata e della meta. Prima di partire solitamente è necessario compiere un piccolo test, poiché bisogna possedere almeno il livello base della lingua di destinazione, ma molti Exchange students hanno affermato che è davvero molto semplice; anche possedere buoni voti scolastici è un requisito necessario.

Per quanto riguarda i documenti, occorre essere in possesso di un passaporto e, se richiesto, anche di un visto. L’agenzia di viaggio cercherà una famiglia disposta a ospitare e, dopo la loro conferma, verrà assegnata una data di partenza. Ovviamente già prima di partire si verrà a conoscenza di alcune informazioni sulla famiglia ospitante e si potrà anche contattarla, cominciando così a conoscersi.

Arrivati a destinazione, capita a volte che non ci si trovi bene con la famiglia ospitante e, in questo caso, bisogna contattare l’agenzia, spiegare il motivo per il quale si vuole cambiare e, se l’agenzia stessa ritiene che sia un motivo valido, provvederà a trovare una nuova famiglia nei dintorni disposta ad ospitare. Ancora per quanto riguarda il costo del viaggio, chi non ha la possibilità economica di sostenerlo, può fare domanda ai concorsi dell’Inps; in questo modo, le vacanze studio sia in Italia che all’estero vengono finanziate in tutto o in parte. Ovviamente per partecipare a questo tipo di concorso è necessario appartenere a una determinata categoria. (Per saperne di più: INPS – Dettaglio Prestazione: Contributi per master in Italia e all’estero). Come ho già detto in precedenza, le destinazioni sono molto varie ma le più accessibili sono: Spagna, Irlanda, Stati Uniti e Francia.

Qualunque destinazione si scelga per vivere il proprio anno all’estero, sarà comunque un’esperienza memorabile e unica, che insegnerà tanto, dando nuove prospettive per il proprio futuro. La nostra scuola offre indirizzi specificamente dedicati allo studio delle lingue straniere, come i corsi Tur (turistico) e RIM (Relazioni Internazionali e Marketing), che ben si prestano ad essere integrati con questo tipo di esperienza.

Se sei arrivato/a fino a questo punto della lettura, vuol dire che sei interessato/a, quindi mi permetto di aggiungere qualche consiglio personale, da non sottovalutare:

  • prima di partire, passa un po’ di tempo con amici e familiari, perché quando sarai lontana/o, sentirai nostalgia;
  • non ti chiudere in te stessa/o durante l’esperienza; sarà solo una perdita di tempo e annullerà in buona parte lo scopo del tuo viaggio;
  • vivi ogni singolo momento del viaggio, perché alla fine ti accorgerai essere breve;
  • non mettere tutto il tuo armadio in valigia, poiché quando tornerai avrai comprato sicuramente qualcosa… O poco più;
  • cerca di stringere amicizia con più persone possibile: ogni nuovo incontro è un’occasione per crescere.

Ora, se il mio articolo ti ha illuminata/o, non devi far altro che parlarne anche i tuoi genitori e convincerli a farti partire!

Martina Giovinazzo, 3C TUR

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here