15.1 C
Vigevano
martedì, Ottobre 4, 2022
HomeGiornaleDiritti civiliIl “caso” Johnny Depp: quando la violenza è sugli uomini

Il “caso” Johnny Depp: quando la violenza è sugli uomini

-

Per anni, i media e non solo, si sono occupati principalmente della violenza al femminile e non della violenza sugli uomini; questo perché è noto che i casi di violenza sulle donne sono quantitativamente molto più numerosi.
Questo non nega però la possibilità che un uomo possa essere vittima dello stesso crimine.

I dati parlano chiaro: nel mondo sono 3 milioni 574 mila gli uomini che hanno subito molestie almeno una volta nella propria vita.

Ma perché non se ne parla abbastanza? Il problema è che la maggior parte degli uomini non ha il coraggio di denunciare, un po’ per paura di non essere creduti da parte delle autorità e in parte anche a causa di stereotipi di mascolinità associati al sesso maschile che provocano vergogna nei soggetti vittime di abusi. Perché nella società attuale spesso l’uomo è visto ancora come il “sesso forte”, quindi incapace di subire violenza, e la donna il “sesso debole”.

In molti casi azioni violente su un uomo sono oggetto di risate, soprattutto se tali azioni sono da parte dell’altro sesso; questo perché ci è stato insegnato che la vittima di una “vera” violenza ha un solo genere: quello femminile. Fino a poco tempo fa il concetto di ‘stupro’ presso il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti, non prendeva nemmeno in considerazione l’universo maschile, perché non era pensabile che un uomo potesse essere stuprato. Ma se si va nel dettaglio, le forme di molestia più diffuse tra uomini e donne non sono così differenti: al primo posto tra le molestie ci sono quelle verbali, seguite dai pedinamenti, dall’esibizionismo per arrivare alle molestie fisiche.

La notizia che ha fatto più scalpore, è la violenza subita dall’attore Johnny Depp da parte della ormai ex moglie Amber Heard. La donna è stata accusata di una serie di aggressioni durante il loro matrimonio come, ad esempio, il lancio di una bottiglia di vodka che avrebbe tagliato un dito all’attore e di un altro incidente in cui lei “ripetutamente” gli avrebbe dato dei pugni in faccia su un jet privato. Queste violenze sono state in seguito confermate dalla stessa Amber; Depp era stato accusato a sua volta di violenza contro la moglie, ma queste accuse invece sono state in seguito smentite, con una conseguente condanna a processo della donna.

Rossella Sampietro, 4^b tur

imperdibili
scopri di più

Che cos’è la mascolinità tossica?

La società patriarcale, vale a dire la società tradizionale che privilegia il genere maschile a sfavore di quello femminile, può danneggiare a volte gli...